Curare la depressione? Prima dello psichiatra è meglio rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta

0
23

La depressione è una delle malattie del secolo: si tratta di un disagio psichico che spesso si traduce anche in problemi di tipo fisico. La somatizzazione è piuttosto frequente: così i pazienti depressi lamentano anche disturbi allo stomaco, mal di testa, insonnia e altri problemi che sono in realtà strettamente dipendenti proprio dalla loro mente. Affrontare la depressione non è mai semplice, né per il paziente né per la sua famiglia e per i suoi amici più stretti, che spesso non sanno come comportarsi e come aiutare. La verità è che la depressione è una malattia e come tale deve essere concepita: un familiare difficilmente riesce a fornire un aiuto valido perché non ha gli strumenti per farlo. A chi rivolgersi allora? Quale specialista è più indicato in caso di depressione?

Questa è una domanda che spesso ci viene rivolta: sia i familiari che gli stessi pazienti si trovano disorientati perché esistono diverse figure che si occupano di questo disturbo e capire quale sia la più adatta non è sempre facilissimo. Tra i professionisti che possono essere indicati per il trattamento della depressione troviamo lo psicologo psicoterapeuta e lo psichiatra: generalmente la scelta deve essere fatta tra questi due e le differenze sono abissali.

Lo psichiatra è un medico, che affronta la malattia da un punto di vista completamente differente rispetto allo psicologo psicoterapeuta. Può infatti prescrivere farmaci ed è questo che fa, principalmente. Al contrario, uno psicologo a Trento ha un approccio più “soft” e meno invasivo: affronta la problematica attraverso il colloquio (cosa che spesso lo psichiatra non fa nemmeno).

Ora, considerando che la depressione è una malattia che dipende spesso da un disagio psichico e in alcuni casi può essere scatenata da una serie di avvenimenti (lutto, separazione, trauma, cambiamento della routine, ecc.) possiamo capire che il trattamento farmacologico non sempre è indispensabile. Al contrario, spesso e volentieri riempire i pazienti di psicofarmaci non fa altro che renderli apatici e privarli delle emozioni, siano esse negative o positive. Certo, la situazione deve essere valutata caso per caso e non possiamo generalizzare perché esistono pazienti con depressione molto grave che hanno bisogno di cure specifiche. In molti casi però, rivolgersi ad uno psicologo può già essere una soluzione efficace.

Per questo motivo noi consigliamo sempre di ponderare bene la decisione. Se si intraprende una terapia psichiatrica con tanto di psicofarmaci, è difficile non uscirne cambiati e in tutti i casi non si può interrompere improvvisamente e quando lo si desidera. Si tratta di un impegno piuttosto importante, che potrebbe rivelarsi anche inefficace in alcuni casi: non è detto che un farmaco riesca davvero a risolvere la situazione. Se al contrario ci si rivolge ad uno psicologo psicoterapeuta si può intraprendere un percorso che potrebbe portare ad ottimi risultati o meno ma che in tutti i casi non ha controindicazioni o effetti collaterali di nessun tipo.

Se quindi siete indecisi, la cosa migliore in caso di depressione è quella di rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta e solo dopo, eventualmente, intraprendere una terapia psichiatrica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here