Tisane dimagranti: ricette, proprietà e usi

0
68

Stai provando a perdere qualche chilo di troppo in vista dell’estate e della prova costume? Le tisane dimagranti potrebbero essere il tuo migliore alleato, a patto di scegliere quelle che più fanno al caso tuo. E di non illuderti: se credi, infatti, che una semplice tisana o un semplice infuso possano sostituirsi ad un’alimentazione sana ed equilibrata e alla buona abitudine di svolgere regolarmente attività fisica, sei di gran lunga sulla strada sbagliata e con molta probabilità non riuscirai nell’obiettivo di perdere peso. Allo stesso modo, dal momento che non ogni tisana per dimagrire vale l’altra, dovrai fare molta attenzione a cosa sceglierai di assumere: prodotti di questo tipo, del resto, oggi si trovano veramente ovunque, dalle parafarmacie all’erboristeria, passando per supermercati e negozi specializzati in prodotto sportivi ma non è detto che tutti abbiano la stessa qualità e che, soprattutto, siano tutti altrettanto efficaci.

Tutto quello che c’è da sapere sulle tisane dimagranti

La prima domanda da porsi, allora, è perché e quando si ha bisogno di assumere tisane dimagranti: nell’ipotesi migliore il loro compito è quello di agire, almeno in parte, su meccanismi che non si riescono a controllare altrimenti e che impediscono di perdere peso come si vorrebbe. La maggior parte di queste, per esempio, agisce sul metabolismo, accelerandolo e favorendo – volgarmente – la bruciatura dei grassi. In qualche altro caso le piante e le erbe usate per tisane e infusi hanno, invece, soprattutto un potere drenante e, oltre a contribuire alla perdita di peso, aiutano il corpo a sgonfiarsi e lo modellano o risolvono altri fastidiosi inestetismi come la cellulite, per esempio.

Come quando si tratta di scegliere il giusto depurativo per il proprio organismo, insomma, anche la scelta della tisana dimagrante non dovrebbe essere lasciata al caso, anzi dovrebbe essere rigorosamente concordata con nutrizionista o dietista o, almeno, con il proprio erborista di fiducia. Tanto più che, è facile immaginare, ci sono erbe, piante e spezie molto diverse e con effetti molto diversi da utilizzare quando l’obiettivo è far scendere la lancetta della bilancia. Tra le più comuni e le più facili da trovare anche al supermercato o da preparare con ciò che si trova in dispensa? La tisana a base di limone e alloro: è da sempre utilizzata come ottimo digestivo, ma agisce anche sul metabolismo. Un simile effetto metabolico lo svolgono anche lo zenzero, il tè verde e, anche se meno comune, l’alga fucus. Una tisana a base di finocchio, invece, aiuta la giusta regolarità intestinale che è, spesso, la principale causa del gonfiore addominale. La menta è l’ideale quando si tratta di tenere sotto controllo gli attacchi di fame, mentre ci sono sostanze come il tè oolong e la yerba mate che aiutano soprattutto a bruciare i grassi e hanno delle chiare virtù dimagranti.

La domanda che può sorgere spontanea, a questo punto, è quando e come assumere le tisane dimagranti. Fermo restando che ciascuna ha tempi e modalità di preparazione propri, non c’è un momento migliore per consumarle: in qualche caso può aiutare farlo a stomaco vuoto, mentre alcune di queste sono utili soprattutto come spezzafame.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here